EVENTI

Romawinexperience propone a un singolo produttore o ad un gruppo di aziende riunite, per tema o per intenti comuni (associazioni, cooperative, consorzi, ecc.), o a società ed organizzazioni di promozione e vendita di prodotti enogastronomici, la creazione di eventi di ogni genere e portata in location trend o di prestigio, a seconda delle esigenze. Verranno realizzati attraverso degustazioni guidate, cene enogastronomiche o grandi eventi con banchi d’assaggio (in cui potremo creare, a richiesta, seminari tematici, presentazioni stampa, premiazioni, show-cooking) e qualsiasi attività che potremo realizzare per rispondere alle particolari richieste della committenza. La nostra organizzazione può offrire la realizzazione di eventi ad hoc, che richiedano budget adeguati ad ogni esigenza.

COMUNICAZIONE

In un mercato sempre più competitivo, occorre trovare nuove soluzioni di marketing e di come comunicare il vino, in grado di colpire emotivamente il consumatore, prima di convincerlo razionalmente. Oggi, il cambiamento del consumatore moderno è sotto gli occhi di tutti. I consumatori al giorno d’oggi vogliono conoscere quello che c’è dietro la singola bottiglia di vino ed interagiscono sempre di più in maniera digitale. Il consumatore è attratto sempre di più dalla qualità, ma non solo: il cliente è interessato a conoscere e scoprire maggiormente le peculiarità del vino e del Brand.

Romawinexperience offre la propria esperienza quale blogger e sui propri canali social anche a collaboratori esperti, per raggiungere tale risultato.

Narrazione dell’identità dell’azienda attraverso lo Story-Telling (parlare di un determinato argomento o soggetto attraverso una narrazione o storia): le persone si identificano e sono molto interessate a conoscere la storia di prodotto e produttore e comunicarla in modo efficace, originale e divertente è quello che fa emozionare e identificare i consumatori. Un consumatore ‘emozionato’ è un potenziale cliente fidelizzato.

Strumenti: blogs e social media

Vino.tv
blog e canali social

Chiara Giannotti
http://vino.tv/it/

Facebook
Vino.tv

Instagtam
vino.tv e chiara_giannotti_vinotv


Anastasia Barone
https://www.mashachef.com

Facebook

Anastasia B Masha

Instagram
 
masha__chef
all_food_passion

BRANDING, E REBRANDING E GESTIONE MARKETING:

Fare prova del vino di qualità, oggi, è un quasi un dovere e la qualità produttiva media italiana è senza dubbio migliorata notevolmente negli ultimi anni. Contestualmente, vista la grande competizione nel mondo della produzione del vino, emergere e far percepire tale aspetto ai wine lovers e ai clienti è un aspetto complicato e di non semplice attuazione.

Avere, quindi, una strategia di marketing ben definita è ciò a cui i produttori non prendono nella dovuta considerazione, ma è ciò che, viceversa, realizza e ottimizza i massimi risultati di vendita, specie a lungo termine. In particolare, nel mercato del vino moderno bisogna eccellere, assumendo il ruolo di leader della propria nicchia di mercato (quale, ad esempio, punto di riferimento dei vini biologici, oppure della Doc o Docg di un certo territorio, ecc.). Per fare questo si deve far crescere la credibilità del Brand o del Marchio, attraverso la comunicazione e il marketing del vino.

Romawinexperience non si occupa direttamente di queste attività, ma si avvale di una società esterna di fiducia, di professionisti del settore, che possa farlo al meglio.

WEB DESIGN:

Un sito web aziendale é essenziale, non solo per presentarsi e dimostrare la propria esistenza ma anche per mettersi in contatto diretto con il proprio pubblico. Avere un sito web professionale è necessario per far sì che attività promozionali aziendali (fiere, eventi, wine tasting) possano avere un seguito. Il sito è uno strumento di marketing e comunicazione divenuto imprescindibile e che oramai non puoi più trascurare. Se, inoltre, si agisce sulla SEO, il sito web diventa uno strumento ancora più potente, una sorta di addetto commerciale alla ricerca di nuovi clienti, 24 ore su 24, ovunque nel mondo. Attraverso il blog aziendale, inoltre, l’azienda può essere raccontata ed il brand riconosciuto in Italia e all’estero.

Cosa fa quindi il web designer? E’ un professionista che si occupa di dar vita a siti internet, traducendo un progetto di web design in linguaggio web. E’, in sostanza, un architetto di spazi virtuali: il suo ruolo consiste nel progettare e creare condretamente un sito internet in base alle esigenze della committenza.

Quali sono le principali mansioni e come si articola il lavoro di un web designer? In sintesi, questi sono gli ambiti in cui un web designer deve possedere competenze e caratteristiche:

Progettazione e sviluppo software

Creatività grafica e competenze in materia di design

Organizzazione di spazi web

Web marketing management

Comunicazione

Copywriting

Problem solving

Romawinexperience non si occupa direttamente di queste attività, ma si avvale di ideamania una realtà esterna di fiducia altamente preparata.

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI AD AZIENDE AGRICOLE

Grazie al fatto che l’Italia fa parte della Comunità Europea, non tutti i produttori, singolarmente o aggregati in associazioni, consorzi o cooperative, sanno che si possono ottenere contributi a fondo perduto per aziende agricole e vitivinicole, con particolare attenzione verso l’acquisizione di fondi OCM e PSR.

Corsa sono, nel dettaglio, questi fondi?

OCM vino (Organizzazione Comune del Mercato vitivinicolo) è la regolamentazione unica dell’Unione Europea (UE) che disciplina il comparto vitivinicolo, anche per quanto riguarda le norme di produzione che i contributi a fondo perduto assegnati alle aziende del settore. Ovviamente, anche l’Italia è interessata da questi interventi. I finanziamenti e i contributi dell’OCM vino che l’Italia riceve dall’UE sono tipicamente assegnati dal Ministero per le Politiche Agricole agli Assessorati all’Agricoltura delle singole Regioni e Province Autonome del nostro Paese che provvedono all’erogazione dei vari bandi regionali.

Gli ambiti di finanziamento erano inizialmente 5: Promozione sui mercati di Paesi esteri, ristrutturazione e riconversione, vendemmia verde, investimenti e distillazione sottoprodotti.

Quali sono le attività finanziabili dal bando? Cosa viene generalmente finanziato con l’OCM?

L’ultimo aggiornamento relativo all’anno 2019, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nel Decreto del 30 maggio 2019, interviene sulla rimodulazione della dotazione finanziaria relativa a quest’anno. Gli ambiti di finanziamento sono diventati 4, poiché non è stato allocato alcun budget per la voce “vendemmia verde”, e quindi sono:

Promozione

sui mercati dei Paesi esteri: azioni in materia di pubbliche relazioni; promozione e pubblicità; partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale; campagne di informazione; realizzazione di materiale informativo e studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e promozione.

Ristrutturazione

e riconversione del vigneto: a sostegno di interventi su vigneti che producono vini a denominazione di origine e a denominazione di origine controllata e garantita. E’ possibile chiedere un aiuto economico per azioni in materia di riconversione varietale, ristrutturazione di vigneti, modifiche delle forme di allevamento e sostituzione di pali e fili.

Investimenti

si tratta di contributi per l’acquisto di attrezzature e strumenti per il processo di trasformazione, confezionamento e commercializzazione dei prodotti vinicoli finalizzate al campionamento, controllo e miglioramento dei parametri qualitativi delle produzioni, tra cui anche attrezzature di laboratorio per l’analisi delle uve, dei mosti e dei vini.

Distillazione sottoprodotti.

I progetti OCM sono annuali, attualmente sono attivi sia progetti per il periodo 2018/2019 che 2019/2020. L’Unione Europea partecipa a queste misure con un finanziamento che in genere è pari, per le PMI, al 40% dei costi ammissibili (al 50% nelle regioni di convergenza).

PSR VINO

Un altro strumento a sostegno al settore vitivinicolo è il PSR, ovvero Programma di Sviluppo Rurale, un meccanismo di finanziamento utilizzato dagli Stati membri dell’Unione Europea. Il PSR è co-finanziato dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR), nasce dal regolamento UE n. 1305/2013 e ha durata di sette anni, 2014/2020.

Il territorio interessato dai PSR può essere un intero paese o una regione specifica. In Unione Europea si contano oltre100 PSR, ognuno dei quali è stato elaborato ad-hoc per fornire il particolare sostegno allo sviluppo rurale necessario nel rispettivo territorio di intervento.

Il Regolamento dell’UE n.1305/2013 sul sostegno allo sviluppo rurale individua alcune misure d’intervento per le quali le aziende vitivinicole possono richiedere un contributo. Visita il sito della Commissione Europea dedicato a ‘Agricoltura e sviluppo rurale’ comunità europea per maggiori info.

QUALI SONO LE ATTIVITÀ FINANZIABILI DAL BANDO? COSA VIENE GENERALMENTE FINANZIATO CON I PSR?

I tipi di finanziamento alle aziende vitivinicole che possono essere erogati con il PSR sono davvero molteplici, e coprono diversi ambiti quali energie rinnovabili, consulenze, eventi promozionali. Sono previsti contributi per l’acquisto, la costruzione, la ristrutturazione o l’ampliamento delle cantine e di alcune macchine e attrezzature per il vigneto e la cantina, l’acquisto di nuovi macchinari, attrezzature, programmi informatici, brevetti e licenze.

I programmi sono settennali (2000-2006/2007-2013/2014-2020) e ciclicamente vengono aperti bandi per specifiche misure e sottomisure. Segnaliamo una peculiarità dei PSR rispetto agli OCM: la possibilità di presentare una “variante” relativa ad una fornitura all’interno di un progetto già approvato, purché il preventivo non superi quello della fornitura precedente.

Per la i finanziamenti relativi agli Investimenti, il contributo previsto è del 50% del costo dell’investimento ammissibile nelle regioni meno sviluppate; 40% del costo dell’investimento ammissibile in altre regioni.

OCM VS PSR PER FINANZIARE INVESTIMENTI

Va sottolineato che alcuni interventi di finanziamento potrebbero rientrare sia nei bandi OCM che PSR. In particolare, la misura “Investimenti” relativa agli OCM vino finanzia interventi simili a quelli della misura 4 e relative sotto-misure del PSR, che riguardano investimenti materiali o immateriali in impianti, in infrastrutture e nella commercializzazione volti a migliorare il rendimento globale dell’impresa. Le azioni comprendono infatti la produzione o la commercializzazione dei prodotti vitivinicoli, e/o lo sviluppo di nuovi prodotti, trattamenti e tecnologie connessi con gli stessi prodotti.

Precisiamo che per legge deve essere assicurata l’assenza di doppio finanziamento per gli aiuti sullo stesso intervento. Le singole Regioni definiscono le attività finanziate da ognuno dei due strumenti, tracciando linee di demarcazione puntuali alle quali le imprese vitivinicole devono attenersi nel momento in cui scelgono il tipo di investimento da attuare.

Romawinexperience non si occupa direttamente delle attività di gestione e progettazione dei Fondi Strutturali Europei, ma si avvale della consulenza di un professionista esperto nel settore di fiducia, che possa farlo al meglio:

Dott. Agronomo Sergio Lupi

Gestione e progettazione dei Fondi Strutturali Europei: assistenza tecnica alla P.A e ai privati

Sicurezza alimentare: assistenza per le certificazioni, corsi di formazione

Biologico

Progetti per l’internazionalizzazione

Costruzioni delle Reti d’Imprese

Gestione del rischio in agricoltura: consulenza per le polizze agevolate, fondi di mutualizzazione e della stabilizzazione del reddito.

Per ogni eventuale richiesta per uno o più degli elencati servizi, vi preghiamo di inviare una apposita email a info@romawinexperience.com